Ecoplan: il progetto

Sabato, 08 Febbraio 2014 11:53

 

ecoplan

 

 

 

Ecoplan un progetto aretino che unisce il risparmio energetico e aspetti sociali delicati, come quelli che riguardano le persone con disabilità varie e le loro famiglie.

 

 

E' possibile prendere visione del progetto ma sopratutto votarlo sulla piattaforma Edison

 

 

ecoplan

 

 

LA NOSTRA IDEA
Stiamo realizzando per un gruppo di disabili adulti con diagnosi di ritardo mentale di media gravità, una comunità residenziale attraverso il co-housing e l'autocostruzione. Un edificio offgrid,cioè capace di autoprodurre gran parte dell'energia necessaria al suo funzionamento.Il progetto risponde all'esigenza di realizzare tipologie abitative ecosostenibili e favorire l'autonomia di persone disabili, sperimentando un originale modello per il Dopo di Noi, unendo innovazione sociale ed ecologica.
OBIETTIVI E DESTINATARI
Progettazione partecipata, costruzione e autocostruzione di un edificio ecosostenibile composto da 9 alloggi di 50mq per 8 persone disabili, corredati da spazi comuni. E' prevista l’ospitalità temporanea anche di non residenti per sperimentare percorsi di autonomia. La finalità progettuale non è dunque soltanto la struttura, quanto il processo decisionale e costruttivo, che alimenta l’intensità e la qualità delle relazioni, oltre che aiutare capacità manuali con notevoli effetti terapeutici.
PUNTI DI FORZA
Affrontare il problema del Dopo di Noi (autonomia di vita delle persone disabili dopo la scomparsa dei genitori),attraverso la crezione di un modello innovativo di cohousing con il coinvolgimento loro, delle famiglie e del quartiere nella progettazione,autocostruzione e gestione di un edificio in bioarchitettura, energeticamente autosufficiente in grado così di minimizzare anche le spese future.
RISULTATI ATTESI
Creare un modello di autonomia relazionale e gestionale capace di garantire alle persone disabili un'elevata qualità della vita, attraverso un modello di residenzialità innovativa che garantisca, attraverso il cohousing ed un ricostruito tessuto di quartiere, forme di assistenza leggera e attraverso l'autocostruzione e l'autosufficienza energetica una futura sostenibilità ecologica ed economica.
FASI PROGETTUALI
1.Scelta e concessione del terreno(avviata) 2. Individuazione primo nucleo di utenti disabili(avviato) 3.Progettazione partecipata dell'edificio (avviata) 4. Definizione partecipata del modello di gestione 5.Fundraising (avviata) 6.Progettazione tecnica definita 7.Progettazione esecutiva 8.Lavori strutturali e impiantistici 9.Autocostruzione 10.Sperimentazione dell'autonomia abitativa