aceto


Agricoltura Biodinamica, tradizione e lavoro:  Il segreto per un futuro migliore arriva anche da vecchie pratiche di lavoro, che rispettano la natura, la dignità delle persone e forniscono prodotti di valore.



Eccovi la storia della famiglia Guerzoni che dopo aver contato i danni di un terremoto inaspettato, è pronta a ripartire, forte dei presupposti che dal 1983, anno della certificazione biodinamica, la spingono verso la necessità di coniugare il lavoro, il benessere e la felicità.


acetoguerzoni


La nostra storia ha inizio da nonno Arduino e nonna Zina. Dopo tanti anni di lavoro nelle campagne della bassa modenese, con i risparmi di una vita sono riusciti ad acquistare un vecchio casolare circondato dalla vigna. Il figlio Felice, con la moglie Iride, ha dato inizio alla progressiva conversione delle vigne verso il Biologico e il Biodinamico. Negli anni '70, era considerata una pazzia. Il profondo rispetto per la natura ha permesso di superare tutte le difficoltà. Nei primi anni '80, la nostra azienda agricola, quando ancora in Italia la certificazione biologica non esisteva, rispettava i disciplinari biodinamici tedeschi. La certificazione, in quei tempi, era quindi rilasciata da un ente di controllo tedesco (Demeter). Negli stessi anni è cominciata la produzione dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena. Tutt'oggi la nostra acetaia è l'unica al mondo ad essere certificata Biologica e Biodinamica. Questo è forse uno dei nostri più grandi vanti.
La nostra missione è di produrre prodotti fedeli alla tradizione con l'intento di trasmettere a tutti il gusto del passato e lo spirito dei nostri nonni, che non piegavano la natura al loro volere con i prodotti chimici o con le tecniche invasive, ma la ascoltavano e si lasciavano guidare da essa.