Perturbazione: musica x

Giovedì, 31 Ottobre 2013 14:05

 

 

 

 

perturbazione

 

 

Tornano con un nuovo attesissimo disco, i Perturbazione

 





La maggior parte delle persone confonde due sostantivi.

Complicazione e complessità. Si tratta in realtà

di due parole differenti. Una - la complicazione - indica

un lavoro articolato, ma spesso senza la necessità di farsi

capire. L'altra - la complessità - riguarda la ricchezza di

elementi sintetizzati in un'opera. L'evoluzione di

quanto già teorizzato da Italo Calvino quando parlava di leggerezza pensosa.

perturbazione2 

 

Si può applicare la teoria della complessità alla musica pop?

Sì, perché ipiù grandi album della

storia sono dischi densi dielementi combinatitra di loro che,

per una sorta di sospensione magica, arrivano diretti

a comunicare quel che devono. Sgt Peppers' dei Beatles,

Thriller di Michael Jackson, Dare! degli Human League,

Anima latina di Battisti, Hounds of Love di Kate Bush,

Wolfgang Amadeus Phoenix dei Phoenix, Homogenic di Bjork,

Homework dei Daft Punk e via dicendo: sono tutti grandi dischi pop.

Che hanno fatto dell'incrocio tra il momento storico,

la ricchezza linguistica degli elementi presenti e la semplicità

d'assimilazione il loro punto di forza.

 

Si può fare musica in tanti modi. C'è chi ama Moby per il suo stile musicale.

E chi gli rimprovera di fare un po' sempre le stesse cose.

E ci sono invece quelli come David Bowie che hanno

costruito una carriera basata su un appetito artistico insaziabile.

 

Dovendo scegliere, Musica X appartiene a quest'ultima famiglia.