Roberto Scippa: Canzoni d'emergenza

Sabato, 16 Maggio 2015 11:18

 

scippa

 

 

 

“Le canzoni d'emergenza sono quelle che non possono aspettare.
Se spingono così tanto per uscire un motivo c'è...

 

 

scippa2

 

E va scoperto il prima possibile, perché alle volte per la salvezza e la bellezza è davvero questione di minuti...”
“Canzoni d'emergenza” è il secondo lavoro ufficiale del cantautore romano Roberto Scippa che esce con marchio Astral Records e distribuzione Master Music. È un album di undici brani nati negli ultimi tre anni dal vissuto e dalle fantasie poetiche del loro autore. Non è stato pensato come un “concept album”. È un insieme di canzoni, sebbene tutti i brani siano legati in modo sottile da quel filo comune che è la condizione dell'“emergenza”, intesa nella sua accezione più ampia, quella esistenziale, raccontata con ironia ed intensa partecipazione emotiva. In un momento storico come quello attuale, dove una sensazione di “emergenza” è avvertita dall'umanità sotto varie forme, questo progetto vuole testimoniare appunto l'urgenza espressiva individuale, forse anche collettiva, di un deciso cambiamento di rotta dal quale emergono riflessioni, “isole” e visioni sommerse. Il lavoro in studio, frutto della collaborazione con vari musicisti, ha prodotto degli affreschi musicali variegati tra loro, con arrangiamenti a volte molto stratificati, caratterizzati da intrecci di chitarre elettriche e acustiche, armonizzazioni vocali e inserti di tastiere e synth costruiti su solide e potenti basi ritmiche che accompagnano quasi tutti i brani. Un'estetica testuale densa di simbolismi e a tratti visionaria contraddistingue tutte le canzoni e la copertina “astrale” dell'album sta proprio ad evocare quella tensione verso l'alto che è insieme richiesta d'aiuto e balzo d'immaginazione verso territori inesplorati, spesso in parte rimossi, della mente e dell'animo umano.

 

scippa3

 

Nasce in provincia di Roma il 5 ottobre 1980. Suona, compone e canta dall'età di quattordici anni,influenzato dalla canzone d'autoreitaliana e dalla scena pop/rock internazionale fino alle sue forme più sperimentali(sintetizzando il viaggio potrebbe partire dai Beatles per arrivare a Beck passando per Neil Young). Nel 2012 è uscito ufficialmente il suo primo disco autoprodotto dal titolo  Vagando Dentro  recensito positivamente sulle più importanti riviste e testate giornalistiche musicali. Le atmosfere di questo progetto sono acustiche con arrangiamenti essenziali e testi improntati ad una vena poetica minimalista.