Dimartino: Un paese ci vuole

Sabato, 30 Maggio 2015 11:05

 

adimartino

 

 

...semplicemente arriva qualcosa che, prima non c'èra

 

 

 


adimartino1



E' uscito il 21 aprile Un paese ci vuole, il nuovo album di inediti di Dimartino, tra i più attesi della stagione discografica. Un disco che è un viaggio, semplicemente, che inizia con l'arrivo della primavera e si chiude con settembre, la fine dell'estate.



adimartino2



Un percorso che grazie a una scrittura immaginifica ci restituisce frammenti di vita che rischiano di essere dimenticati. Perché le canzoni di Dimartino questo fanno: creano immagini, le disegnano con cura e le
raccontano con un lirismo intenso e delicato più unico che raro.


 
Le parole di Cesare Pavese sono prese in prestito per dare il titolo all'album e lasciano intuire fin da subito il filo rosso che unisce tutte le tracce: "Il paese inteso non solo come luogo geografico, ma soprattutto come condizione umana in estinzione - spiega Dimartino -quello che ti porti dentro ovunque tu vada, il paese necessario a conservare i ricordi".


 
Anticipato dal singolo Come una guerra la primavera,Un Paese ci vuole è stato registrato in una casa di campagna in Sicilia insieme ai compagni di avventura Angelo Trabace e Giusto Correnti, con l'ausilio di uno studio mobile. Prodotto da Fabio Rizzo e Antonio Cupertino, vede la collaborazione di Francesco Bianconi dei Baustelle, che con Dimartino ha scritto e interpretato Una storia del mare, e di Cristina Donà, che canta in I calendari.


 
Un disco che arriva dopo Cara maestra abbiamo perso (2010), Sarebbe bello non lasciarsi mai ma abbandonarsi ogni tanto è utile (2012) e l'ep non vengo più mamma (2013), lavori che hanno messo in luce le straordinarie qualità di scrittura di Dimartino, proiettandolo nel novero dei cantautori e degli autori più interessanti e del panorama italiano.