Gonzaga: tutto è guerra

Sabato, 17 Ottobre 2015 11:15

 

gonzaga

 

 

 

La discendenza con i signori di Mantova è solo nel cognome perché i GONZAGA sono un trio di toscanacci puri. David (Martinelli) e Giacomo (Galligani) seguivano da tempo i concerti di Angelo Sabia, cantante e leader del gruppo, che li coinvolge quindi per formare la nuova band. Stabiliscono la loro sala prove sulle colline lucchesi, in quella che un tempo era stata dimora del grande poeta Giosuè Carducci. Anche questo li ha portati ad esprimersi con particolare attenzione nei testi, mai banali, che si immergono in trame sonore di lama e di velluto, tra chitarre potenti ed echi elettronici. Il singolo “Astronauta” anticipa l’uscita dell’EP “La Manovra di Valsalva” che li porterà a lungo in tour venendo infine scelti da Enzo Avitabile come apertura ai suoi concerti. Iniziano quindi a prendere forma quelle che saranno poi le dodici tracce del primo album, registrato in presa diretta alle Officine Meccaniche di Milano e prodotto insieme a Taketo Gohara dal titolo inequivocabile “Tutto è Guerra”.

 

gonzaga1


GONZAGA su TUTTO E' GUERRA

 

“… Ogni storia certa non importa quanto sia, cosa conta è il suo consenso…”

L’Italia non è mai stata così bella.
Oggi possiamo vivere strade piene di stupore.


Respirare l’aria di grandi artisti contemporanei che ne celebrano la meraviglia:

Puccini, Ungaretti, Basile, Verdi, Bianchi e Rossi; l’Italia soprattutto, fatta di gente perbene, attenta e sensibile.


Le sale e i teatri sono sempre pieni e la fila per entrare denota infatti una radicata vocazione alla Cultura, che qui nasce.
Lungo il Corso, le finestre delle case risuonano dischi che persone di ogni età hanno voluto possedere voracemente,

dopo attese spasmodiche fuori dai negozi celebrandone poi l’avvento con rituali feste di ascolti collettivi.


È un paese dove il lavoro non manca.
Le fabbriche impiegano decorosamente tutti i volenterosi per la causa aziendale e nazionale.
Le automobili parlano la stessa lingua delle tavole imbandite, colme di storia tradotta in milioni di ricette e distillati unici.
Il vino migliore naviga tra i calici dei bar mentre su un’immensa parete, un cinema all’aperto proietta una

pellicola di Pastrone che non passa inosservata. Non servono agenti per sedare gli animi: la violenza non esiste,

le strade sono pulite, chiunque saluta con rispetto e non manca mai di offrire il proprio aiuto a chi in difficoltà.
I partiti alimentano equità sociale e promuovono leggi a favore dei cittadini, elevando la loro dignità nel sentirsi tali.


È una destinazione ambita l’Italia.

 


E da ogni parte del mondo, quando il cuore si inaridisce, l’uomo compie il pellegrinaggio

più solenne attraversando il mistero unico, la bellezza e l’eccellenza che circonda questo piccolo miracolo geografico.